SarIBS - Sardinia Internet Book Store
Italiano English
Euro GB Pound US Dollar
Carrello Carrello
0 articoli
$0.00

Giuseppe Anedda


$15.54 Giuseppe Anedda
Codice ID 978-88-96778-75-3
Autore/i Giovanni Sanna
et al.
A cura di Giovanni Sanna
Editore Grafica del Parteolla
Edizione 2012
Pagine 144 (illustrato)
Formato 17 x 24 cm
Rilegatura Brossura e cucitura filo refe
Genere Storia, biografie e araldica, archeologia e preistoria
Supporto Cartaceo
Lingua di pubblicazione Italiano

L'opera

Giuseppe Anedda nacque a Cagliari il 1° marzo del 1912. Sposato con Benita Fanciulli, voce storica dell´Eiar (la Rai di oggi) ha avuto tre figlie: Rita, Marina e Giuliana, due generi, Pietro e Mario e sei nipoti: Emanuele e Valdimiro (oggi valenti concertisti di mandolino), Costantino (chitarrista e geologo), Maura, Matteo e Martina. Qualche anno prima di morire ha scritto un´autobiografia dove racconta gli episodi principali della sua vita pubblicata all´inizio di questo libro. Giuseppe Anedda, Pippo per i familiari e per gli amici, ha tenuto 5.000 concerti in tutte le parti del mondo accompagnato dalle orchestre più prestigiose o dal pianista Franco Barbalonga, grande concertista e compagno prezioso, dando un contributo decisivo al riconoscimento del mandolino come strumento di grandi qualità sonore ed espressive. Studioso appassionato, ha compiuto ricerche accuratissime nelle biblioteche e negli archivi dei Musei e dei Conservatori di mezza Europa riportando alla luce pagine straordinarie di letteratura musicale ed eseguendo brani originali di grandi autori come Vivaldi, Mozart, Haendel, Cimarosa, Hoffman, Pergolesi, Paisiello, Mahler, Prokofieff, Gervasio, Stravinskij e persino Beethoven che, durante un viaggio a Praga, scrisse alcuni brani per mandolino che dedicò alla contessa Joséphine de Clary. A lui, insieme al maestro Claudio Scimone direttore del Conservatorio Pollini di Padova, si deve la creazione della prima cattedra di mandolino di un Conservatorio italiano. Per lui, che al mandolino aveva dedicato tutta la vita, una gioia indicibile. Accompagnata da quella che lui definiva la più grande soddisfazione della sua carriera: "Dieci tra i più grandi concertisti del mondo sono stati miei allievi". Come spesso succede ai grandi, è morto dimenticato. Anche dalla sua Cagliari. Questo libro nasce come gesto d´amore nei suoi confronti, vuole essere un atto di riconoscenza e nello stesso tempo, il tentativo di recuperare una memoria che appartiene alla parte più nobile e geniale di questa città. Dopo Padova in Italia altre città hanno istituito una cattedra di mandolino: L´Aquila, Napoli, Bari, Milano e Palermo dove il titolare è uno dei nipoti di Pippo Anedda, il maestro Emanuele Buzi. Uno dei sogni di Anedda era che, anche a Cagliari, i giovani potessero andare al Conservatorio per imparare a suonare questo strumento. Solo un sogno, per il momento.

Giuseppe Anedda

$15.54

Disponibilità immediata  Disponibile (In commercio)

*
(solo per utenti registrati)