SarIBS - Sardinia Internet Book Store
Italiano English
Euro GB Pound US Dollar
Shopping cart Shopping cart
0 items
Ł0.00

Il cavaliere della fame

Mastru Juanne nella poesia sarda e nelle tradizioni popolari

Ł10.20 Il cavaliere della fame
ID Code 978-88-96094-17-4
Author/s Salvatore Tola
Publisher Istituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna (ISRE)
Edition 2011
Pages 336
Size 14 x 21 cm
Bookbinding Stitched paperback binding
Genre Literature, classics, literary criticism
Format Paper
Release language Italian, Sardinian

The work

Saggio-antologia in cui lŽautore, Salvatore Tola, vi ha riunito 18 testi poetici in sardo, risalenti allŽOttocento e alla prima metà del Novecento, che hanno per protagonista Mastru Juanne, lŽoriginale rappresentazione della fame che veniva messa in scena per esorcizzare un dramma così frequente in quegli anni, e anche per riderne, se possibile. Simile ai vari Cancioffàli, Giolzi e Don Conte che animano le feste di Carnevale, sembra che non sia stato "importato" da fuori, ma ideato dai poeti isolani. I versi sono accompagnati da un saggio introduttivo e seguiti dalla traduzione in italiano.   Introduzione di Salvatore Liori Lo studio, la tutela e la valorizzazione del patrimonio poetico di tradizione orale, perseguiti da decenni dallŽIstituto Superiore Regionale Etnografico, si arricchiscono di un ulteriore contributo con lŽedizione del volume di Salvatore Tola, II cavaliere della fame. Mastru Juanne nella poesia sarda e nelle tradizioni popolari. La fame, in Sardegna, non può fregiarsi in modo esclusivo del titolo di Cavaliere. La memoria popolare lŽattribuisce anche a chi si è distinto nellŽaver assicurato la sopravvivenza della specie con un numero particolarmente alto di figli. Occorrenza non rara, nellŽisola, nei tempi trascorsi. LŽonoranza di Cavaliere era segnacolo sociale sia per merito di abbondanza procreativa umana sia per merito del riequilibrio mantenuto dalla selezione naturale, con la fame, impersonata in Mastru Juanne. Quindi è insignito Cavaliere chi si distingue nel dare in abbondanza la vita e ciò che, con pari abbondanza, se non maggiore, la fa cessare. Salvatore Tola, nel libro che cura, ci da testimonianza dei poeti che nella Sardegna settentrionale e nelle Barbagie - in queste ultime soltanto per ritrovamenti episodici e isolati - hanno cantato la fame, impersonata dalla figura di Mastru Juanne, a cui, appunto, si riconosce il titolo di Cavaliere. Oltre a renderci diciotto componimenti poetici, di cui solamente tre anonimi, il curatore, in un ampio saggio introduttivo fornisce le caratteristiche di Mastru Juanne (per lo più povero, forestiero e redivivo ciclicamente) e, per meglio comprenderlo, richiama le pesti e le carestie che hanno flagellato la Sardegna, offrendo in sottotraccia anche la storia dellŽalimentazione nella regione. In questo scenario viene condotta la disamina della figura del Cavaliere della fame nella storia degli studi, per lamentarne quasi una "congiura del silenzio" anche nei classici degli studi demoetnoantropologici sardi e sulla Sardegna. A dire il vero si tramandano i ricordi e i racconti delle pestilenze e delle carestie che imperversarono nellŽisola non solo oralmente ma anche negli studi storici e sociali. Anzi questi ultimi sono stati determinanti per promuovere indagini e interventi istituzionali nazionali e regionali sul malessere, e quindi anche per debellare la piaga della fame, in Sardegna. Apparentemente, quindi, il libro non fa brillare niente di nuovo sotto il sole. In verità ciò che caratterizza il lavoro di Salvatore Tola è la vivezza e la freschezza con cui ci rende la figura di Mastru Juanne e i temi che questa figura mette a fuoco - che poi non è altro che la vivezza e la freschezza con cui la poesia sarda ci da lŽincarnato delle comunità di cui parla. Con ironia lieve le canzones aiutano a ripercorrere le tragedie della fame, consentendo di tollerare ed elaborare questi drammi collettivi delle genti di Sardegna. Nella capacità di ridare parola e voce alla poesia e quindi alle soggettività individuali e collettive, capaci di far emergere le peculiari rappresentazioni di eventi e contesti umani cantate dagli aedi sardi, sta la novità di questo utile e bel libro. Potrebbe allora questo lavoro essere pioniere di individuazione e ritrovamento, ancora da venire, di Mastru Juanne anche in altre regioni dellŽisola, superando la "congiura del silenzio" che lŽAutore denuncia. LŽIstituto Superiore Regionale Etnografico ha accolto questo volume nelle proprie edizioni anche con questo auspicio.

Il cavaliere della fame

Ł10.20

Disponibilità immediata  Available (On sale)

*
(only for registered users)